Crea sito
 HomeNotizie MondoNotizie ItaliaNotizie CinaCina mapCina meteoCina fotoAsia fotoDice il saggio

Mao Zedong: Shaoshan, paese natale dove abitanti guadagnano ricevendo turisti

 

 

Changsha - Il defunto rivoluzionario cinese Mao Zedong ha lasciato al suo paese natale non solo  un senso di orgoglio ma anche una fonte di ricchezza. Shaoshan oggi diventato uno dei pi importanti luoghi di  "attrazione turistica Rossa" , un luogo in cui molti rivoluzionari cinesi sono nati, hanno vissuto e combattuto.

Shaoshan - villaggio dove Mao Zedong  nato

Villaggio di Shaoshan, dove Mao Zedong nato

fonte e foto: Xinhua

 

Nel villaggio di Shaoshan, dove Mao nato, gli abitanti locali guadagnano ricevendo i turisti curiosi di scoprire il luogo di provenienza del grande leader rivoluzionario cinese. Il primo capo della Cina moderna trascorse l'infanzia a Shaoshan, villaggio della provincia dello Hunan (104 km da Changsha) nel 1890.

Da quando la sua residenza stata aperta ai turisti nel 1950, un numero sempre maggiore di fedeli o semplici curiosi compiono un pellegrinaggio verso questo piccolo paese di montagna.

Quasi tutto il villaggio, composto da circa 450 famiglie,vive di turismo gestendo piccoli ristoranti o locande oppure negozi di souvenir di statuette raffiguranti il grande capo.

"Ma 30 anni fa l'apertura di imprese private stata considerata in contrasto con il socialismo", riferisce Mao Yushi, segretario del partito del villaggio, ed stata  severamente vietata durante la rivoluzione culturale (1966-1976).

L'uomo ricorda anche che l'apertura ad imprese private rest difficile anche in seguito, fino circa agli anni '80, circa un decennio dalla fine della rivoluzione culturale(1976).

"Molte persone sostengono che l'uso di imprese private farebbe vergognare il presidente Mao, e che sono tutti dei mercanti senza scrupoli ".

Un anziano del villaggio dice di sentirsi frustrato da questo tipo di business e di piangere amaramente su di un ritratto del leader scomparso, ma riferisce anche di essere passato nelle case di ciascuna delle famiglie dedite al commercio per aiutarli e sostenerli nell'emancipazione verso il mercato non pubblico dell'economia.