Crea sito
Home
Notizie Mondo
Notizie Italia
Notizie Cina
Cina map
Cina meteo
Cina foto
Asia foto
Dice il saggio
 
 

In Cina è nata la coltivazione del riso: nuove prove lo confermano

 

Archeologi hanno nuove prove in cui si determina che la Cina è stata la culla della coltivazione del riso.

Le ricerche condotte da Dorian Fuller, Institute of Archaeology, University College of London e Zheng Yunfei dell'istituto provinciale cinese Archeologia e Antichità di Zhejiang, hanno indagato su resti di riso trovati durante lo scavo nel sito di Tianluoshan (Zhejiang provincia) risalente a 7000 anni fa e parte della cultura neolitica locale Hemudu.

La ricerca ha portato alla conclusione che la coltivazione del riso è stata resa lentamente domestica nel corso di due o tre millenni, nella regione di Zhejiang, a sud del fiume Yangtze circa 6600 e 6900 anni fa.

La popolazione Hemudu non è stata la prima ad avviare la coltivazione del riso, ma certamente lo coltivava e probabilmente riuscì ad addomesticarlo, riferisce Zheng.

Nella ricerca il team di archeologi ha trovato tracce di un importante superficie coltivata con riso 'addomesticato'.

Il riso selvatico si frantuma automaticamente mentre il riso reso domestico no, anche quando raggiunge la maturazione. Per questo ha bisogno di essere battuto.

Nelle varie fasi di scavo nel sito Hemudu si è osservato come la percentuale di riso rimasto tra i resti di piante rinvenuti sia passato da 8% al 24% . Questo sottolinea la crescente importanza tra la popolazione della dieta del riso nel corso del tempo. I ricercatori hanno anche separato il riso rimasto e sulla base di segni lasciati dalla rottura dei grani lo hanno suddiviso in tre categorie: selvatico, domestico e immaturo.
Si è notato che con il passare del tempo il tipo di riso 'domestico' sia aumentato passando da circa 27% a 39% nel corso di 300 anni.

28 marzo 2009

fonte: ANI