Crea sito
 

 

 

Cina vieta terapia elettro-shock per internet dipendenza giovanile

 

Il Ministero della Salute cinese ha ordinato il blocco della controversa terapia di elettroshock utilizzata finora come trattamento nella internet-dipendenza dei giovani cinesi.

Il Ministero fa sapere che la terapia somministrata da una clinica di Linyi, nello Shandong, non è sicura.

Le scosse elettriche somministrate ai giovani pazienti sono state interrotte non appena ricevuto la notifica del Ministero della Salute, riferisce la clinica, sottolineando però che il programma condotto dal medico Yang Yongxin non era esclusivamente di elettroterapia.

Più di 3000 giovani sono stati costretti con un inganno a frequentare un corso di 3-4 mesi. Per l'iscrizione dei figli i genitori hanno dovuto firmare contratti in cui sapevano che ai figli sarebbero state date scosse elettriche fino a 200 milliampere.

I costi del trattamento circa 6000 yuan al mese. I pazienti sono stati considerati "guariti" o "rinati" una volta ammessa la loro dipendenza.

I dettagli sui trattamenti ai giovani "ex pazienti" divenne pubblico quando le esperienze furono scritte online.

La dipendenza da internet è crescente problema in Cina, internauti stimati circa 300 milioni, tra cui molti adolescenti che trascorrono molte ore su giochi per computer.

14 luglio 2009

Fonte: ANI

 

 

 

 

 

HomeNotizie MondoNotizie ItaliaNotizie CinaCina meteoCina mapCina fotoAsia fotoDice il saggio