Crea sito
Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio  

 

100 nuovi guerrieri Esercito di Terracotta dissotterrati a Xi'an

Archeologi portano alla luce altri 100 guerrieri ed un ufficiale dell'Esercito di Terracotta presso il sito patrimonio mondiale dell'umanità di Xi'an, un mese dopo aver iniziato un terzo scavo del sito archeologico.

L'Esercito di Terracotta è costituito da Guerrieri e Cavalli di Qin Shi Huang, il primo imperatore della Cina.

Le figure in terracotta, risalenti al 210 ac, sono state scoperte nel 1974 da alcuni agricoltori locali vicino a Xi'an, provincia di Shaanxi, vicino al Mausoleo del primo imperatore Qin.

I nuovi scavi hanno portato alla luce più di 100 guerrieri di terracotta e un ufficiale dell'esercito, una figura dalle dimensioni naturali che è stata trovata distesa sullo stomaco dietro quattro carri.

Secondo gli archeologi non è ancora possibile vedere la faccia dell'ufficiale, ma si distinguono le sue bretelle, ganci di pelle. Il "gallus" o bretelle è tipicità degli ufficiali dell'esercito in Dinastia Qin (221 ac - 207 ac).

Ora servono cure extra per poter portare la figura fuori dalla buca e ripristinare il suo colore originale, azione che può richiedere alcuni mesi.

Secondo gli archeologi la figura era dipinta in vari colori.

Tranne che per alcune rotture sulla testa, l'ufficiale è in gran parte intatto rispetto alle altre figure in creta scoperte ora, la maggior parte trovate seriamente danneggiate, alcune anche frammentate.

Figure di creta finemente colorate sono state scoperte negli ultimi due scavi nel Mausoleo di Qinshihuang, il primo imperatore della Cina unita, ma una volta esposte all'aria le figure hanno cominciato a perdere la loro lucentezza colorandosi di un grigio ossidato.
Lo scavo numero 1, 230 x 62 metri di buca, attualmente in fase di scavi, si credeva contenere circa 6000 figure in terracotta di grandezza naturale, più di 1000 delle quali trovate in precedenti scavi, lo riferisce il curatore del museo Wu Yongqi.

Luglio 2009

fonte: ANI