Crea sito
Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio

Cina: scomparsi 1000 laghi in 50 anni

 

Oltre 1000 laghi sono scomparsi in Cina negli ultimi 50 anni e oltre l 80% dei laghi lungo il fiume Yangtze, causa la minore portata d'acqua del fiume, sono stati colpiti da alghe. Fanno il punto della situazione funzionari in occasione della 13a Conferenza Mondiale Laghi.

Oltre 1400 esperti dell'ambiente e studiosi provenienti da 40 paesi partecipano alla conferenza nella provincia di Hubei.

Il tema della conferenza è " riabilitazione dei nostri laghi".

Il numero dei laghi si è ridotto di 1000 in 50 anni, con in media 20 laghi che scompaiono ogni anno. In 50 anni la Cina ha perso 9570 chilometri quadrati di superficie d'acqua e 51,6 miliardi di metri cubi di volume d'acqua.

Il deterioramento della qualità delle acque dei laghi non è ancora sotto controllo così che la qualità delle acque di alcuni di questi sia scesa a classe V (gravemente inquinato) o, ancora peggio, con conseguente fioritura di alghe e di carenza di ossigeno.

La maggior parte dei laghi nel sud-est del paese hanno problemi di eutrofizzazione, stato che si raggiunge quando le acque hanno grande afflusso di minerali e sostanze nutritive organiche, con crescita eccessiva di alghe che soffocano le altre creature acquatiche.

Di 43 laghi che sono stati studiati, 27 laghi sono stati eutrofizzati e 12 tra cui il lago Taihu, il Chaohu lake e Dianchi Lake si trovano in grave stato di eutrofizzazione.

Il lago Taihu, che si trova vicino a Shanghai, è il terzo lago più grande della Cina, il lago Chaohu il quinto più grande.

Sotto il duplice effetto dei cambiamenti climatici e delle attività umane, i laghi vedono una costante diminuzione dei livelli di acqua e la diminuzione delle zone ittiche.

In Cina vi sono oltre 2.300 laghi più grandi di un chilometro quadrato.

Hubei, una volta conosciuta come "provincia dei mille laghi" ha ora solo 2440 kmq di laghi, un terzo della superficie d'acqua che aveva nel 1950.

Anche il livello dell'importante lago Poyang scende rapidamente.

Questo è il risultato delle attività umane come la bonifica del lago di terreni agricoli, la trivellazione di pozzi d'acqua e la deviazione di percorsi fluviali.

La deforestazione in tutto il corso superiore del fiume Yangtze ha portato verso i laghi grandi quantità di sabbia, riducendo i livelli delle loro acque.

Il governo cinese ha investito 14.5 milioni di yuan (2 milioni di euro) in un programma quinquennale per la pulizia.
Sembra però che il problema non sia una questione di fondi e finanziamenti quanto quello di fermare le fabbriche che scaricano inquinanti.

Novembre 2009

Fonte: http://www.newkerala.com/nkfullnews-1-143477.html