Crea sito
 

 

In Myanmar aumenta la coltivazione del Papavero da Oppio

 

Il Myanmar o Birmania rimane il secondo più grande coltivatore di oppio, secondo un rapporto delle Nazioni Unite rilasciato ieri e che registra un lieve aumento della coltivazione di papavero da oppio in tutto il paese, ma un calo dei livelli di produzione in tutto il mondo.

Mentre per la maggior parte dei mercati illeciti sono in declino, il World Drug Report 2009 ha registrato un aumento nella produzione e nel consumo di droghe sintetiche, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Il Myanmar resta secondo produttore di oppio dietro Afghanistan. Mentre i livelli di coltivazione di papavero da oppio sono una frazione rispetto a quelli di un decennio fa, il mercato è ancora sano.

Complessivamente si ritiene vi siano circa 189.000 ettari di terre coltivate, di cui 28.500 quelli in Birmania.

I rapporti dei media sulla produzione di oppio in Afghanistan spesso collegano il commercio alla presenza dei talebani, nonostante vi sia un aumento della produzione da quando l'invasione USA rovesciò i talebani nel 2001.

In Birmania, la produzione di oppio, l'anno scorso, è stata pari a circa 4000 tonnellate e spesso legata alla crescente militarizzazione nel paese, sopratutto nello stato orientale dello Shan.

Anche se la coltivazione di papaveri da oppio registra un aumento negli ultimi anni, la produzione di oppio è diminuita. Più che un merito al programma statale per la eradicazione delle colture sembra sia opera del tempo.

L'anno scorso un diluvio abbattutosi nel paese ha distrutto, in alcuni luoghi, il 60% delle coltivazioni dei campi.

26 giugno 2009

Articolo: Francis Wade

Fonte: www.burmanet.com

 

 

 

 

 

HomeNotizie MondoNotizie ItaliaNotizie CinaCina mapCina meteoCina fotoAsia fotoDice il saggio