Nuove sedie a rotelle si muovono comandate da onde cerebrali trasmesse da cervello
Crea sito
Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio

Giappone - Nuove sedie a rotelle si muovono comandate dal cervello

 

Scienziati giapponesi hanno ideato una sedia a rotelle alimentata solamente dal pensiero.

Il tempo di reazione di un ottavo di secondo è quasi veloce come il pensiero umano.

La scoperta ha le potenzialità di riportare al movimento intere generazioni di anziani, disabili o persone con problematiche motorie. Lo riferisce Toyota, la quale ha finanziato la ricerca sulla tecnologia di sfruttamento delle onde cerebrali.


Sedia a rotelle alimentata dal pensiero

Sedia a rotelle alimentata dal pensiero

 

Il sistema, che utilizza un cappello dotato di elettrodi in grado di leggere e analizzare le onde cerebrali, è tra i più veloci del suo genere nel mondo e impiega solamente 125 millisecondi per rispondere.

I precedenti sistemi richiedevano diversi secondi d'attesa.

Questo significa che i guidatori di carrozzella dovranno solo pensare ad andare avanti, a sinistra o destra prima di essere già sulla strada.

In una dichiarazione rilasciata, Toyota dice che i risultati dell'analisi delle onde cerebrali vengono visualizzate su un pannello in modo così rapido che i conducenti non avranno nessun indugio.
Il sistema ha la capacità di adattarsi alle caratteristiche di ogni singolo conducente, migliorando così l'efficienza di come vengono rilevati i comandi del guidatore.
Nessun cenno però della data di uscita sul mercato commerciale.
Il nuovo sistema collega due vecchie tecnologie - Blind Signal Separation (BSS) e Space-time-frequency-filtering (STF), che lavorano insieme per un'analisi delle onde cerebrali molto più veloce.
Il passo successivo è aumentare la gamma di comandi che la tecnologia possa comprendere, o far che essa possa comprendere le emozioni.
Gli scienziati sono fiduciosi che un giorno possa essere utilizzato in un vasto numero di applicazioni, in particolare nella medicina e nell'infermieristica.

20 luglio 2009

fonte: AAP