Crea sito
 

Parchi di Thailandia meno cari per turisti

 

Il dipartimento Thailandese per la conservazione dei parchi e della vita selvatica riduce le tasse d'ingresso per gli stranieri in tutti i parchi nazionali nel tentativo di richiamare più turisti internazionali.

La riduzione è arrivata dopo  le denunce di numerosi turisti stranieri  di tasse troppo alte rispetto agli inadeguati servizi e strutture dei parchi in favore di questi ultimi.

Dal 1° di Dicembre quindi la tassa di ingresso per gli stranieri adulti  passa da 400 a 200 bath per i parchi più popolari, ed è del 75% minore rispetto alla precedente per i parchi meno conosciuti del paese.

Tra i siti di interesse turistico più conosciuti e dove vengono tagliate le tasse d'ingresso agli stranieri troviamo i parchi Nazionali Marini di Mu Koh Lanta National sull'isola di  Krabi, il Mu Koh Chang nel Trat, Mu Koh Angthong a Surat Thani e il Mu Koh Tarutao a Satun.

Il biglietto di entrata per la visita dei parchi nazionali del Nord e del Nord-Est del paese come il Doi Suteph Pui e il Doi Inthanont a Chang Mai, Jae Son di Lampang, Kao Phra Viharn nel Si Sa Ket ed il KnaoYai a Nakhon Rathcasima sono stati tagliati della metà dell'attuale importo.

Il prezzo d'ingresso per il famoso Mu Koh Surin e Mu Koh Similan nella provincia colpita da Tsunami  Phangnga resta ancora fissato a 200 bath per i bambini e 400 bath per gli adulti.

Per rendere più attraenti ai turisti i parchi meno noti di Thailandia, come il Kao Lak-Ramru a Phangnga ed il Tap Lan a Prachin Buri i prezzi di questi ultimi passano da 400 a 100 bath per gli adulti ed da 200 a 50 bath per i più piccoli.

Il dipartimento Thailandese rende noto che l'adeguamento dei prezzi serve alla promozione del turismo.

Mentre a godere di tutto questo saranno i turisti stranieri, per i residenti Thailandesi vi sarà un aumento sulle tariffe d'entrata per la visita di alcuni siti.

Alcuni protestano, un biologo marino dell'università di Kasetsart per esempio dice che la riduzione delle tasse di ingresso sarebbe a solo beneficio degli operatori turistici, e non della promozione intesa dal governo. I turisti stranieri acquistano sopratutto pacchetti turistici da operatori locali, comprendenti le visite ai parchi e le rispettive tasse d'ingresso. Quindi appare improbabile che le nuove tariffe governative risultino più attraenti per i turisti. A guadagnarci saranno le agenzie locali che vendono questi pacchetti viaggio.

 

fonte: the Bangkok Post

 

Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio