Crea sito
HomeNotizie MondoNotizie ItaliaNotizie CinaCina mapCina meteoCina fotoAsia fotoDice il saggio

Pechino: aperte al pubblico le stanze degli interrogatori

 

Nel loro ultimo tentativo di lotta contro la corruzione i pubblici ministeri di Pechino hanno aperto al pubblico da martedi, le stanze interrogatorio dove si interrogano i sospetti funzionari corrotti.

Dopo aver lasciato un'impronta su di una porta ID, decine di cittadini si sono trovati in una delle 6 camere interrogatorio, alloggiate nei sotterranei del palazzo della Procura Popolare, nel distretto di Dongcheng, Pechino.

Si tratta di una stanza di 10 metri dove vi si trovano una poltrona ed un indicatore elettronico di data, ora, umiditÓ e temperatura. Vi Ŕ anche una parete di vetro attraverso la quale i funzionari corrotti ed i loro inquisitori si confrontano faccia a faccia.

"Per offrire un ambiente relativamente confortevole all'interrogato abbiamo coperto con pelle le pareti e abbassiamo la luce a 12 volt nel caso urti la sensibilitÓ dell'interrogato ".

Al terzo piano dello stesso edificio il pubblico ha potuto vedere una stanza dove i procuratori monitorano e dove si registrano video di interrogatori , a detta loro per evitare  'confessioni forzate'.

Il caso pi¨ noto di corruzione in Cina (ma ormai Ŕ dilagante!) degli ultimi anni, riguarda l'ex capo del partito comunista a Shanghai Chen Liangyu, rimosso dall'incarico per il coinvolgimento nello scandalo dei fondi di previdenza sociale a Shanghai.

In aprile il procuratore generale di Pechino ha organizzato una mostra di lotta contro la corruzione, dove le foto delle mogli degli ufficiali corrotti mostravano a fianco dei loro truffatori mariti.

" I coniugi dei funzionari di governo sono il target preferito dalle persone che offrono tangenti. La nostra lotta contro la corruzione non si concentrerÓ solo sui disonesti ufficiale, ma anche su coniugi e famiglia ".

Parole di Li Qiang, procuratore generale di Pechino.

5 dicembre 2007

Fonte: Xinhua