Crea sito
 

 

La Cina vieta i sacchetti in plastica

 

Autoritą Cinesi riferiscono della decisione di messa al bando delle borse di plastica per la spesa a causa dell'inquinamento e della preoccupazione energetica.

Il consiglio di Stato cinese ha detto che il divieto inizierą il prossimo 1° giugno. Le imprese che continuano a vendere, realizzare e distribuire sacchetti di spessore superiore a 0.025 mm saranno multate e le autoritą potranno arrivare fino alla confisca della merce e dei profitti.

"Il nostro paese consuma enormi quantitą di sacchetti di plastica ogni anno. Pur offrendo convenienza ai consumatori, il loro massiccio utilizzo ha provocato gravi danni per inquinamento e spreco di energie e risorse, anche a causa di un uso eccessivo e di un inadeguato riciclo" . Questo quanto riferito dal governo all'agenzia di stampa Reuters.

"Dobbiamo incoraggiare la gente a portare ed utilizzare borse di stoffa  ed usare cestini per trasportare le verdure" .

Secondo il WorldWatch Institute, un gruppo di ricerca ambientale ha stabilito in 1000 anni la durata di un sacchetto di plastica prima che si decomponga. La stima annuale nel mondo sale a 500 miliardi di sacchetti buttati ogni anno. Nel marzo 2007 San Francisco divenne la prima cittą americana a vietare i sacchetti di plastica non-riciclabile, fatti con prodotti petroliferi. Nel mese di Aprile 2007 Manitoba in Canada diviene il primo comune a vietare i sacchetti di plastica. Altre regioni in Sud Africa, Irlanda e Taiwan hanno posto maggiori imposte e tasse sui sacchetti di plastica per scoraggiarne l'uso.

Fonte CBC News

 

 

 

 

 

 

HomeNotizie MondoNotizie ItaliaNotizie CinaCina mapCina meteoCina fotoAsia fotoDice il saggio