Crea sito

fotografico stile css

Banco Fotografico & Asiaspirit.it

 


News

STEHM - Microscopio più potente al mondo visualizza l'universo subatomico dei materiali

 

Il più potente microscopio del mondo sarà presto installato alla Victoria University.

Il dispositivo del prezzo di 20 $ milioni, il cui nome è Scanning transmission electron holography microscope (STEHM), sarà il primo nel suo genere e consentirà agli scienziati di vedere quasiparticles e materiali che l'occhio umano non riesce.

Esso è stato costruito appositamente per la scuola da Hitachi High - Technologies in Giappone, e dovrebbe essere pronto entro l'inizio del 2011.

La differenza tra la tecnologia STEHM e i microscopi elettronici esistenti è che questi ultimi consentono ai ricercatori di poter visualizzare solamente materiali sottili 50-90 nanometro-sezioni.

Ciò significa che i materiali generalmente devono essere tagliati in sezioni per essere visualizzati. La tecnologia STEHM permetterà agli scienziati di vedere fino a 500 nanometri in una sola volta.

Il microscopio è innovativo anche perché ha la capacità di osservare l'interno dei materiali, oltre naturalmente l'esterno.

Gli altri microscopi a scansione per il momento riescono solo a guardare le superfici delle cose, spiega un manager presso la UVic, University of Victoria.

STEHM guarda anche attraverso le cose. La sua potenza è come quella di 100 microscopi.

Guardando ad esempio l'interno delle cellule del cervello, si aiuterà gli scienziati nella loro attività di ricerca sulla sclerosi multipla.

Oltre alla ricerca medica, il microscopio sarà utile in molti settori, dalla fisica nucleare, celle a combustibile, alla microbiologia e alla oceanografia.

Una volta terminato il microscopio sarà ospitato presso il palazzo della scienza Bob Wright alla UVic, che ha anche un telescopio installato sul tetto.

Il microscopio sarà installato in una costruzione apposita, un laboratorio clima controllato sotterraneo.

Il progetto è finanziato dalla Fondazione, Canada Foundation for Innovation, British Columbia Knowledge Development fund, UVic e Hitachi.

 

Luglio 2009

Fonte: Victoria Times