Crea sito
   
Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio

SAVOIA: famiglia chiede danni morali per esilio forzato

SOFFERENZA RESTA, MA CHI HA SBAGLIATO PAGHI

Condividi 

 Emanuele Filiberto - Savoia

 Emanuele Filiberto di Savoia

"Io e mio padre abbiamo agito dopo lunga riflessione"

Roma, 21 nov. (Apcom) - La sofferenza provata in lunghi anni di esilio non ha prezzo, ma è giusto che chi ha sbagliato paghi. Lo si legge in una lettera aperta scritta da Emanuele Filiberto di Savoia, nella quale spiega i motivi che hanno indotto lui e suo padre a chiedere allo Stato italiano i danni morali per il trattamento ricevuto dopo la nascita della Repubblica. "Non voglio fare moralismi ma credo che non ci sia fatto più grave in un paese democratico di privare il cittadino dei suoi diritti civili e della libertà, questo è accaduto alla mia famiglia e questo, purtroppo, spesso accade ingiustamente a molti italiani. La sofferenza patita per una vita intera ha un prezzo? Non per me, ma chi ha sbagliato è giusto che paghi".

 

vittorio emanuele - savoia vergogna

Vittorio Emanuele da bello !!

Emanuele Filiberto di Savoia aggiunge anche che la decisione, annunciata ieri sera nel corso di una intervista a Ballarò, è stata presa da lui e da suo padre "dopo una lunga e sofferta riflessione: mio padre ed io abbiamo deciso di procedere mettendo in mora lo Stato Italiano per i danni patiti a causa dell'esilio per un importo di circa 260 milioni di euro. Abbiamo anche voluto evidenziare che lo Stato ha avocato a sé tutti i beni privati di Casa Savoia: beni che provenivano dal patrimonio personale che nulla aveva a che fare con la dotazione del Capo di Stato". "Questa causa - aggiunge Emanuele Filiberto - verrà dibattuta nelle sedi di giustizia e sarà la giustizia a decidere se la ragione è dalla nostra parte".