Crea sito
Home Notizie Mondo Notizie Italia Notizie Cina Cina map Cina meteo Cina foto Asia foto Dice il saggio

 Ragni giganti: popolare snack in Cambogia sono a rischio di estinzione

 

I ragni giganti possono anche non apparire appetitosi, ma in Cambogia sono considerati una vera prelibatezza gastronomica.

Ragni giganti di Skun

Ragni giganti di Skun

 

Inizialmente mangiati per fame dai rifugiati durante il periodo dei Khmer rossi negli anni '70, ora sono considerati un popolare snack tra i cambogiani. I ragni, ed il loro consumo come pietanza sono così popolari che il loro numero è ormai in declino.

Persone in viaggio da tutta la Cambogia si dirigono verso la città di Skun, a nord della capitale Phnom Penh a mangiare i ragni giganti.

Questi enormi ragni neri, pelosi e grossi quanto una mano costruiscono i loro nidi nei boschi intorno alla cittadina. Ogni giorno al grande mercato del ragno in città ne vengono venduti a migliaia.

I ragni, fritti in aglio e erbe vengono ammassati su vassoi di legno e venduti agli automobilisti e motociclisti di passaggio.

La vendita dei ragni rappresenta un'importante fonte di reddito per questa povera comunità agricola cambogiana, dove la maggior parte delle persone guadagna circa $ 1 al giorno ed ogni ragno costa circa 50 centesimi. Nonostante il loro costo sia elevato (rispetto al reddito), molti cambogiani non vogliono rinunciare assolutamente al loro piatto preferito.

Un cacciatore di ragni riferisce che nessuna pietanza ha un gusto buono come la carne di ragno. Essa è deliziosa, con un gusto simile a quello del pesce ma anche croccante come un granchio. Oltre ad essere mangiati i ragni vengono anche marinati nel vino di riso, che viene venduto come un salutare tonico. Un agricoltore riferisce che il vino di ragno fa bene alla salute: bevuto è buono e salutare per i muscoli e per il sangue.

Tek Nem, conoscitore della storia locale, dice che il consumo di ragni iniziò durante il regime di Pol Pot, quando i ragni venivano mangiati per fame dai rifugiati. Egli afferma che in quel momento vi era ben poco da mangiare e le persone sopravvivevano con 2 tazze di minestra al giorno. Così iniziarono a mangiare animali come gechi, scorpioni e ragni giganti, scoprendo con piacere la loro bontà e il loro gusto.

I ragni sono diventati così popolari in Cambogia che alcuni temono possano essere in pericolo di estinzione.